Visit our archive

La SEO, acronimo di Search Engine Optimization, è quell’insieme di pratiche volte ad aumentare la visibilità di un sito internet migliorandone la sua posizione all’interno dei motori di ricerca.

Il web marketing comincia dalla SEO!

E’ il 2016 e stiamo ancora parlando di SEO. Perché? Perché ottimizzare il tuo sito per i motori di ricerca non è solo importante, è la parte più importante del marketing online.

La maggior parte degli utenti, adesso,  potrebbero “inciampare” sul tuo sito web attraverso un’azione di ricerca su Google. Se non ci sei, allora gli utenti andranno ad “inciampare” sul tuo concorrente.

La buona notizia è che la SEO non è non è poi così difficile da realizzare … almeno grazie ai suggerimenti che troverai di seguito.

Ricorda bene…

Prima di iniziare, ricordati che la SEO non è una soluzione rapida. Anche se quanto segue può essere facilmente implementato, ci vuole un po’ per vedere i frutti del tuo lavoro. Non scoraggiarti. Alla fine, sarai ricompensato. Basta essere pazienti, costanti e seguire questi suggerimenti.

Le regole Seo

1) Per cominciare, la velocità di caricamento

Dai uno sguardo al tuo sito web e rispondi a queste domande:

Ha caricato rapidamente? E in fretta, voglio dire, in tre secondi? Fai un test di velocità qui .

Se il tuo sito richiede più di tre secondi a caricare, questo è un problema.

Il ranking dei motori di ricerca dipende anche da quanto velocemente un sito si carica. Questo non accadeva negli anni ’90. Allora, la gente aveva la pazienza di aspettare che la tua pagina si caricasse. Ora, non più. Faranno di tutto per rimbalzare lontano dal tuo sito se non si carica abbastanza velocemente.

Più persone rimbalzano dal tuo sito web, meno sarà probabile che Google possa promuovere il tuo sito web.

2) Il tuo sito e mobile friendly?

Il tuo sito è mobile friendly? 

Se il tuo vecchio sito costringe i visitatori a regolare lo schermo corri ai ripari e incarica il tuo web designer di creare per te un sito responsivo.Google penalizza i siti web che non si vedono bene su schermi piccoli (clicca per approfondire).

3) Ci sono collegamenti interrotti?

I collegamenti interrotti possono impedire ai crawler* dei motori di ricerca di indicizzare il tuo sito. Ancora più importante, i visitatori odiano il messaggio “404” (pagina non trovata) Quando si incontra un errore 404, spesso l’esperienza di navigazione dell’utente è destinata a finire.

*Il “crawler”, detto anche web crawler, spider o robot, è un software che analizza i contenuti di una rete (o di un database) in un modo metodico e automatizzato, in genere per conto di un motore di ricerca. (fonte Wikipedia)

L'importanza delle immagini

4) Crea un blog

Se non hai già un blog è arrivato il momento di aprirlo. Lo sapevi che un blog può influenzare positivamente il posizionamento dei motori di ricerca?

Il motivo per cui i blog migliorano la SEO è perché i motori di ricerca amano i contenuti freschi. E con un blog, è possibile fornire contenuti sempre freschi.

Parliamo di alcune best practices di blogging per l’ottimizzazione dei motori di ricerca.

Attiva un blog con informazioni utili

Google, Bing e altri motori di ricerca hanno tutti un unico scopo: quello di fornire agli utenti informazioni altamente pertinenti. Se avete le informazioni pertinenti promuovere il tuo post (e quindi il tuo sito) è molto più facile.

Scrivi messaggi più lunghi

Oggi post di 250 parole non sono più accettabili. Ma sono stati sempre accettabili, ad essere onesti?

I motori di ricerca premiano le super-dimensioni dei post del tuo blog.

La lunghezza ideale per un post parte dalle 1000 parole in su. I testi lunghi sembrano posizionarsi meglio nei risultati delle ricerche su Google.

una buona seo attira i clienti

Utilizza le foto

Le foto aiutano a rompere la difficoltà di lettura derivante da un muro di testo. 1000 parole di un articolo sul tuo sul blog sono abbastanza noiose se si presentano solo come un mucchio di parole.

È inoltre possibile ottenere una spinta SEO dai nomi con cui nominare le vostre foto. Non basta usare il nome di default 010101.jpg. Usa preferibilmente una frase chiave relativa al tuo post.

Inoltre, quando si sta caricando le immagini su WordPress o il collegamento, assicurati di assegnare l’attributo alt per loro. Alt-text mostrerà al posto dell’immagine se le immagini sono disabilitate o non riescono a caricare. I crawler dei motori di ricerca ovviamente non possono vedere l’immagine, ma sono in grado di leggere la descrizione alt-text.

Scrivi per gli esseri umani

Non fare l’errore di pensare che Google e altri motori di ricerca promuoveranno automaticamente il contenuto infarcendo il testo di parole chiave. Essi sono incredibilmente sofisticati.

Arrivare al punto in fretta. Quegli stessi esseri umani che non possono stare ad aspettare tre secondi per la pagina da caricare abbandoneranno un sito che non va subito al dunque.

Utilizza parole chiave e frasi nei titoli

Questo passaggio è essenziale per il posizionamento SEO. Non basta creare un titolo oscuro per il tuo blog, un titolo che nessuno cercherebbe. Dovrai invece creare dei titoli che abbiano una corrispondenza diretta con ciò che gli utenti dei motori di ricerca vanno in realtà a digitare nella barra di ricerca in questo momento.

Per farlo è sufficiente pensare a quello che si chiunque potrebbe naturalmente digitare quando cerca maggiori informazioni su un certo argomento.

fai blog

Usa parole chiave nelle intestazioni

Le parole chiave non sono solo per i titoli. Esse devono comparire anche all’interno del corpo del tuo contenuto. Conosci voci come H2, H3 e così via? Sì, queste non sono solo impostazioni di carattere predefinite. I crawler dei motori di ricerca utilizzano intestazioni per ottenere una migliore comprensione dei contenuti. In realtà, i crawler si basano su queste voci più il resto del contenuto. Quindi usa intestazioni con saggezza e frequentemente.

Installa pulsanti di condivisione sociale

Convinci la gente a condividere i tuoi contenuti. La condivisione sicuramente aumenta il ranking dei motori di ricerca, perché più persone condividono i tuoi contenuti, più attraente diventerai per i motori di ricerca.

Inoltre… Google esegue anche la scansione di Facebook. Se il crawler nota un’infinità di link al tuo sito, indovinate cosa succede?

Quindi, più persone condividono, più il crawler ci premia. Leggi anche “I segreti per conquistare social e motori di ricerca”.

seo titoli esempi

5) Per la SEO oggi i video sono incredibili

Se ti è possibile aggiungere video (in particolare di YouTube), si ha una migliore possibilità di raggiungere le prime posizioni.

E non dimenticare che YouTube, di proprietà di Google, è anche un motore di ricerca a sé stante. In realtà, YouTube è il secondo più grande motore di ricerca al mondo, secondo solo a Google.

Così, con la creazione di video, si aumenta l’ottimizzazione dei motori di ricerca.

I video sono facili da creare. Non hanno nemmeno bisogno di essere sul video a tutti. Si può semplicemente registrare una lettura del tuo post del blog, aggiungere animazioni di immagini rilevanti.

PS – Non dimenticare di ottimizzare il titolo del video per i motori di ricerca. Assicurati che abbia le parole chiave necessarie e usa frasi reali che parlano a persone reali. Inoltre, approfitta della sezione descrizione sotto il video di YouTube per ulteriori parole chiave.

youtube secondo motore di ricerca mondo

6) Cambia i tuoi Permalinks

Un permalink è l’indirizzo URL permanente di un post o una pagina singola.

Se si utilizza WordPress, la struttura di URL predefinito probabilmente simile a questa:

http://www.yourwebsite.com/?p=123

Tuttavia, ciò non fa molto per il vostro SEO. Ma, modificando le impostazioni permalink di inviare nome, ad esempio, si otterrà qualcosa di simile a questo:

http://www.youwebsite.com/Your-Post-Name-Here/

Molto meglio, giusto?

Per cambiare questo in WordPress, è sufficiente passare a “Impostazioni”, quindi “Permalinks” e scegliere l’opzione appropriata.

7) Collegati: il tuo successo dipende anche da questo

Non è difficile collegare internamente altri post e altre pagine del proprio sito: link all’interno del tuo post sul blog per altri post rilevanti sul tuo sito. In questo modo (si spera) di tenere i lettori sul tuo sito, e di farli rimanere più a lungo sul tuo sito.

Perché?

I motori di ricerca determinano il merito di un sito in base a quanto tempo i suoi utenti ci restano. Se arrivano alla tua pagina e poi rimbalzano fuori subito, non va bene. Tuttavia, se si può dare loro un motivo per continuare a cliccare dentroil tuo sito,  ti assegnaranno un punteggio più alto sui motori di ricerca.

Anche il cosiddetto Anchor Text è molto importante. L’Anchor Text è il testo utilizzato per indicare un link. Non basta usare “clicca qui” come testo di ancoraggio. Invece, facciamo SEO e utilizziamo un testo di ancoraggio descrittivo che sfrutta il titolo del post si spera ricco di parole chiave.

Inoltre, non essere avaro con i link in uscita. Google giudicherà la tua qualità anche in parte sulla qualità dei link in uscita. Se ha senso linkare ad un altro sito web, fallo.

Considerazioni finali

Per scalare la prima pagina dei risultati dei motori di ricerca inizia facendo piccoli passi. Puoi cominciare subito, quindi cosa stai aspettando? Comincia a ottimizzare!

Ecco una lista di controllo per la tua SEO

Seo Checklist

(Traduzione ed adattamento da https://kickofflabs.com/blog/easy-seo-tips-start-implementing-today/)